i miei primi dieci – CLASSIFICA RIVISITATA E CORRETTA


I 10 compagni di viaggio che non vorresti mai avere
la mia rielaborazione della classifica di questo post

10 – Il dormiglione con le gambe stese
Caratteristica è la lunghezza delle gambe e il sonno pesante
L’unico posto libero è quello di fronte a lui. Vorresti sederti, ma devi per forza svegliarlo e lui dorme profondamente (ma davvero?) Se poi è grasso e alto ancora peggio. Appena ti siedi, dopo aver scavalcato gli ostacoli e rischiato di finire in braccio a un altro passeggero (che naturalmente non assomiglia mai e manco per niente a George Clooney) lui, il dormiglione , che nel frattempo non si è svegliato, aggiusterà le gambe in modo da immobilizzarti.
Inutile inviare sguardi di richiesta di solidarietà verso altri passeggeri: il cicciodormiglione è capitato almeno una volta a ciascuno di noi e, come si dice a Roma – chi gli tocca nun se ‘ngrugna.

9 – Quello che occupa i posti (mia versione)
Treno pieno, unico posto libero occupato dalla sua cartella. Lui può anche essere carino, tutto pulito preciso pettinato, ma è un maleducato totale. Alla tua richiesta “è libero?” ti guarda come ti guarderebbe il commesso di Luis Vuitton alla richiesta di uno sconto (non ho mai chiesto uno sconto da Luis Vuitton e non ci sono mai entrata, ma mi immagino). La bocca si atteggia a smorfia e toglie la sua cartella, ma con caaaalma, mooooolta calma, tanto per farti innervosire.
Se anche assomiglia a George Clooney gli spareresti un cazzotto in bocca, ma tu invece gli dici pure “grazie!”

8 – L’indeciso-lumaca
Treno pieno, l’indeciso è quello davanti a te che ha trovato il primo posto libero. Il corridoio è pieno di gente, ma lui blocca tutti perché ha da togliersi il cappotto o ha da fare tutta una serie di cose prima di sedersi, magari anche chiacchierare con quelli seduti… e se ne sta là, al centro della carrozza, piantato immobile per tutto il tempo necessario finché gli altri, quelli che provengono dalla carrozza davanti alla ricerca di un posto, non ti hanno fregato il tuo.

7 – Il pischello che tiene il posto per l’amico che sale a Mira
No comment.
Al tuo accenno “ma, non sarebbe giusto…” gira lo sguardo dall’altra parte e aggiusta la cuffietta, e tu ti senti vecchia.

6 – Gli zingari olè
… ti ci puoi anche divertire, salgono sul treno tra una fermata e l’altra, mettono in carica i cellulari sulle prese del treno (sono toghi! -ma quanto è vecchio il termine togo?) e fuoriescono prima che il controllore li veda, lasciando una persistente scia di “eau de gitane”…
Garantito che per le prossime fermate i sedili vicino saranno liberi

5 – quelli che il telefono…
Che sia la ragazza con la voce squillante o il nero che senti da fondo treno o il fine sussurratore (che sia la morosa o l’amante?) o quello che non parla ma gioca con i toni del telefono alti (avete in mente quelli che hanno impostato il suono tipo goccia d’acqua drop drop drop…)
Ma poi siamo tutti lì a tirarcelo fuori il nostro cellulare: e vedi sta foto e va su facebook e fa il giochino e invia il messaggino e….ommiodio siamo già arrivati a Venezia?

4 – quello che ti mette il dito sull’ipad e ti chiude l’applicazione
Anche se è il tuo caro amico e lui non ha l’ipad (e già tu ti senti stronzo per avere un ipad e fare parte della categoria di quelli che appena seduti tirano fuori l’ipad) …glielo vorresti mordere quel dito

3 – Quello che ti dice cosa devi fare con il tuo ipad
che non è quello che pensate voi, ma è – a seconda dell’occasione – “mi guardi in internet questa cosa, ma hai visto quell’altra, e “perchè non tocchi qua?” , “che cosa è questo?” , “fai così….” e a questo punto entra anche il dito che chiude l’applicazione e cambia di categoria

2 – Quello che non è ancora arrivato il treno che si alza e fa alzare tutti
… (dedicato a Giulio con affetto)

1 – L’amicone con la voce alta (di solito io)
Molto sociale, l’amicone si sentirà in dovere di parlare con chiunque gli si siederà a fianco (sono io). Ha un tono di voce che si riconosce (purtroppo sono sempre io)
In alcuni casi, egli vi racconterà la sua giornata, la sua settimana e la sua vita (faccio ammenda, spesso di ciò mi pento, ma sono sempre io)
In qualche casi ha anche un cellulare (io) e un ipad (io) e molte borse ingombranti (io)
Se non ha colleghi con cui parlare parla al telefono con mamma ad alta voce (quasi forte come un nero perchè mamy è un po’ sorda e pure io…)

AHAHAHAHAHAH
Inquietante.

Annunci

One thought on “i miei primi dieci – CLASSIFICA RIVISITATA E CORRETTA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...